Audemars Piguet: la nuova campagna pubblicitaria 2012 Eta Movement Replica

Gli appassionati, quelli con la corteccia cerebrale composta di molle, ingranaggi, ponti e bilancieri se lo sentivano che Audemars Piguet avrebbe dato a giorni un forte segnale che il 2012 – 40° Anniversario del Royal Oak – sarebbe stato per lei un anno davvero speciale.

Audemars Piguet 2012Save

Audemars Piguet: la nuova campagna pubblicitaria 2012

Così, con un comunicato stampa solenne, la Maison ha deciso – come di ‘sdoppiarsi’ e guardandosi indieto auto commentare la sua nuova campagna pubblicitaria il cui slogan è:

“To break the rules, you must first master them”*

Infatti oggi ci sono ben pochi orologi che possono vantare più di 700 differenti varianti di cui cento in attuale produzione!Gli operatori del settore, dovettero rASSEgnarsi al successo del Royal Oak, inserendolo nell’elenco degli orologi di maggior successo della storia, regALAndo all’Audemars Piguet, l’immunità nella guerra del quarzo degli anni 80, diventando più famoso dell’Audemars Piguet stessa.Il nome Royal Oak (quercia reale) ha origini nel lontano 1651, quando Carlo II d’Inghilterra, trovò rifugio dalle truppe di Cromwell, sopra ad una quercia, dove rimase per tutta la notte.La quercia prese così il nome di “quercia reale”, e segnò un nuovo punto di partenza per la riconquista del trono.Per commemorare questo aneddoto, la Marina Militare Inglese, tra il 1769 e il 1914, ha battezzato 4 navi con il nome di Royal Oak, dove troviamo su una di queste, uno scafo in legno di quercia e gli oblò dei cannoni di forma ottagonale serrati da viti.La CASSA del Royal Oak, presenta una soluzione all’impermeabilità semplice quanto geniale.La LUNETTA infatti, presenta viti funzionali che passano attraverso la CARRURE per avvitarsi sul FONDELLO.Questa soluzione permette di mettere in pressione i 3 elementi, garantendo così un serraggio in tutta sicurezza.

*“Per rompere le regole, bisogna prima dominarle” e, pur essendo una frase inedita e pubblicitaria, rispecchia in pieno ciò che a Le Brassus sono da molto tempo abituati a fare: questa invece è la mia personale opinione.

Sono passati quarant’anni dal lancio di quelle linee squadrate, scolpite nell’acciaio che convergono sull’inimitabile lunetta ottagonale – firma inimitabile del recentemente scomparso Gerald Genta.
Audemars Piguet è riuscita a traghettare la sua Alta Orologeria attraverso momenti difficili come quando nel 1972 – con un enorme blocco d’acciaio – decise di dire così la sua in un segmento di orologi di lusso popolato solo da metalli preziosi, e acciaccato per trovarsi in quel preciso istante nel pieno della crisi innescata dal quarzo.

Oggi Audemars Piguet 14802 Replica ha affidato, ciò che sottolineavo, ciò che l’ha preceduto, e ciò che sarà a breve all’agenzia londinese Lowe Superculture.

La nuova campagna pubblicitaria è stata interpretata dai due celebri fotografi: Richard Foster, noto per i suoi stili “life style” di moda, e Dan Holdsworth conosciuto per immagini di emozionanti paesaggi.

Essa si articola intorno a due grandi temi. Il primo ruota intorno alla storia e all’eredità del marchio iniziato da due famiglie di orologiai nel 1875, ancora oggi di proprietà dei loro discendenti, e l’odierno utilizzo di materiali e processi innovativi sia per le casse (leghe avanzate di carbonio) sia per i movimenti (silicio e alta frequenza).

La seconda accompagna l’appassionato a conoscere meglio le radici del marchio attraverso gli incantati paesaggi nella Vallée de Joux.

Audemars PiguetSave

Audemars Piguet – I paesaggi nella Vallée de Joux

Anche il logo Oxs Rubber Strap Audemars Piguet Replica è stato oggetto di cure: ora, dopo il nome ha sostituito la frase “Le maître de l’horlogerie depuis 1875” con “Le Brassus “ per evidenziare il paese dov’è nata.

La nuova campagna sarà lanciata nel mese di gennaio con i modelli Millenary 4101 e Royal Oak. Proseguirà tutto l’anno con le novità 2012 e con altri modelli della collezione Audemars Piguet.

A proposito: ‘Monsieur’ Royal Oak… Buon quarantesimo!

contaminuti

falsiorologi