Audemars Piguet Royal Oak 40 Years a Milano Replica

Milano 19 aprile 2012 – Design, fotografia, suono e video  si uniscono per una straordinaria esibizione mondiale in occasione del 40° anniversario del Royal Oak. Per celebrare i 40 anni del segnatempo icona di Audemars Piguet, il Royal Oak, il primo orologio sportivo di lusso che ha segnato un nuovo paradigma nell’industria orologiera, la Manifattura Svizzera di Le Brassus, nella Vallée de Joux, ha realizzato un’esibizione unica, itinerante.

Save

Audemars Piguet Royal Oak 40 Years -1972/2012

Utilizzando  design, fotografia, suono e video di tre artisti che appartengono in modo inequivocabile al 21° secolo, Sebastien Leon Agneessens, Quayola e Dan Holdsworth, la Manifattura ha curato un’esibizione di 100 eccezionali segnatempo posti sullo sfondo di un palcoscenico che sottolinea le origini, la maestria e la capacità artistica di Audemars Piguet.

Questi rari orologi, dal primo Royal Oak del 1972 agli ultimo modelli presentati lo scorso gennaio durante il Salone dell’Alta Orologeria di Ginevra saranno svelati in una serie di mostre che rivelano la capacità del marchio di innovare e creare. Quest’imperdibile esposizione sarà in Italia dal 17 al 22 aprile alla Triennale di Milano, durante la Triennale Design Week 2012, la settimana concomitante con il Salone Internazionale del Mobile, l’evento più importante per gli appassionati di design.

Per la sua costruzione, Audemars Piguet si affida alla Favre & Perret, dove tutti gli elementi della CASSA, vengono rifiniti a mano a garanzia di una qualità superiore e dove ad esempio la LUNETTA, subisce ben 28 passaggi di lavorazione mentre la CASSA ne richiede 48.Anche per il QUADRANTE ci si è avvalsi della più importante azienda del settore, ovvero la Stern (si, proprio quel Philip Stern che sta a capo della Patek Philippe) ed oggi di proprietà della Richemont.Da li a poco, nasceva il primo orologio che associava ‘acciaio con l’oro, seguito poi da un modello forgiato in “tantalio” (metallo raro e nobile con densità simile all’oro ma con la resistenza dell’acciaio), segnado così ANCORA una volta una serie di primati.Nel 1967 debutta il CALIBRO 2120, un MOVIMENTO meccanico a carica automatica che batte ANCORA una volta un record, quello dello spessore unito all’affidabilità e precisione.Siamo davanti ad un MOVIMENTO di 12 linee dello spessore di 2,45 mm. con 26 rubini (che diventeranno 36) e un BILANCIERE Gyromax (diventato poi monometallico a 3 bracci in GLUCYDUR) SPIRALE piana e 19.800 a/h con un ROTORE in oro 21 carati a carica bidirezionale e 45 ore di carica.La sua naturale evoluzione divenne il CALIBRO 2121 con datario che faceva crescere lo spessore fino a 3,05 mm.Arriva nel 1993 una svolta stilistica nella collezione Royal Oak, con il debutto del modello Off Shore, un modello che trova la sua massima espressione nelle funzioni di CRONOGRAFO, con linee decisamente ingombranti e potenti, che fa di sè il punto di forza tra gli oggetti del desiderio.Nel 2005 nasce il primo MOVIMENTO di manifattura: il 3120, montato sulla nuova referenza 15300.

Per inauguare la mostra Audemars Piguet ha organizzato oggi giovedì 19 Aprile 2012 una serata di gala. Tra gli ospiti attesi Adrien Brody, Svetlana Zakharova e Jarno Trulli.

falsiorologi